Regole per i nomi a dominio

Si raccomanda la lettura dei documenti:  Termini e Condizioni e Politica di registrazione dei nomi a dominio al di sotto delle estensioni .eu, .ею (alfabeto cirillico) e .ευ (alfabeto greco). E' possibile consultare anche il regolamento EU.

Modifiche ai criteri di eleggibilità

Il nuovo Regolamento del .eu (2019/517) che modifica e abroga il regolamento 733/2002 e abroga il regolamento 874/2004, entrerà in vigore il 13 ottobre 2022; tuttavia l’articolo 20 è entrato in vigore il 19 ottobre 2019.

Il 12 giugno 2020, il Comitato congiunto dello Spazio economico europeo (SEE) ha approvato l'incorporazione del nuovo regolamento .eu nell'accordo SEE.

Tutti i paesi SEE hanno approvato l'incorporazione del nuovo regolamento .eu nell'accordo SEE, il che significa che i criteri di cittadinanza sono estesi ai cittadini di Islanda, Liechtenstein e Norvegia, a partire dal 2 agosto 2021.

A partire dal 2 agosto 2021, la registrazione di un nome a dominio .eu può essere richiesta da uno dei seguenti soggetti:

  • un cittadino di uno degli Stati membri dell'Unione europea, Islanda, Liechtenstein o Norvegia, indipendentemente dal luogo di residenza;
  • una persona fisica che non è cittadina di uno degli Stati membri dell'Unione europea, Islanda, Liechtenstein o Norvegia, ma che è residente in uno Stato membro dell'Unione europea, Islanda, Liechtenstein o Norvegia;
  • un'impresa con sede in uno Stato membro dell'Unione europea, Islanda, Liechtenstein o Norvegia;
  • un'organizzazione con sede in uno Stato membro dell'Unione europea, in Islanda, Liechtenstein o Norvegia, fatta salva l'applicazione del diritto nazionale.

Inoltre occorre tener conto delle seguenti nella scelta del proprio nome a dominio:

Caratteri ammessi e combinazioni di caratteri

I nomi a dominio in senso classico (non IDN) possono comprendere:

  • I caratteri dell'alfabeto dalla a alla z.
  • I numeri dallo 0 al 9.
  • Il segno meno (-).
  • Possono essere registrati soltanto al di sotto dell'estensione .eu in latino.
  • Non possono cominciare né terminare con il segno meno (-).
  • Non possono avere il segno meno nella terza e nella quarta posizione.

I nomi a dominio IDN possono comprendere:

  • Il segno meno (-).
  • I numeri dallo 0 al 9.
  • I caratteri Unicode degli alfabeti cirillico, greco o latino. Clicca qui per la lista completa dei caratteri supportati.
  • Non è possibile mescolare caratteri provenienti da alfabeti diversi. Tutti i caratteri del secondo livello (la parte a sinistra dell'estensione) devono appartenere allo stesso alfabeto. Ai nomi a dominio costituiti da caratteri dell'alfabeto latino sarà assegnata l'estensione .eu in latino, mentre i nomi a dominio costituiti da caratteri dell'alfabeto cirillico avranno l'estensione .ею, in cirillico e i nomi a dominio costituiti da caratteri dell’alfabeto greco avranno l’estensione .ευ. I numeri dallo 0 al 9 e il segno meno possono essere utilizzati insieme ai caratteri degli alfabeti latino, greco e cirillico.
  • Non possono cominciare né terminare con il segno meno (-).
  • Non possono avere il segno meno nella terza e nella quarta posizione contemporaneamente, a meno che i due segni meno non siano preceduti dai caratteri “xn” e il nome a dominio possa essere convertito in un valido IDN.

I nomi a dominio esclusivamente numerici:

  • Sono costituiti esclusivamente da caratteri dallo 0 al 9 e dal segno meno.
  • Possono essere registrati sia sotto l'estensione .eu che sotto le estensioni .ею e .ευ.

Lunghezza dei nomi e IDN

Un nome a dominio può avere una lunghezza minima di due (2) caratteri (senza considerare il suffisso .eu o sue varianti in altri alfabeti) dopo la conversione dei caratteri da maiuscolo a minuscolo e dopo la normalizzazione. Se vuoi registrare un IDN, applica questa regola prima che il tuo nome a dominio sia stato convertito in una stringa ACE. Alcuni nomi a dominio di due caratteri sono comunque considerati troppo corti. Questo perché alcune combinazioni di due caratteri possono essere rappresentate anche da un singolo carattere Unicode.

Il tuo nome a dominio non può superare i 63 caratteri di lunghezza (senza considerare il suffisso .eu o sue varianti in altri alfabeti) dopo la conversione dei caratteri da maiuscolo a minuscolo e dopo la conversione in una stringa ACE.

Data di scadenza per i nomi a dominio

Dal 15 settembre 2014 i nomi a dominio di nuova registrazione non scadono più alla fine del mese bensì alla fine del loro periodo di registrazione, che viene calcolato in anni a partire dalla data di registrazione e che può variare da uno (1) a dieci (10) anni. I nomi a dominio registrati il 29 febbraio scadono sempre il 28 febbraio.

Esempio:

Situazione dopo il 15 settembre 2014 (per i nuovi nomi a dominio registrati dopo il 15 settembre 2014)
Data di registrazione = 15 gennaio 2015
Data di scadenza = 15 gennaio 2016 (= 15 gennaio 2015 + 1 anno)

Nomi bloccati

Alcuni nomi a dominio sono stati bloccati dagli stati membri o dalle istituzioni dell'Unione europea. Questo significa che non possono essere registrati.

Anche molte sigle di paesi di due caratteri, come BE per il Belgio o DE per la Germania, sono state bloccate. Puoi consultare la lista dei nomi bloccati qui. La lista non è esaustiva e non contiene le sigle dei paesi di due caratteri che sono state bloccate.

Nomi riservati

Un certo numero di domini .eu è stato riservato per l'utilizzo da una delle istituzioni dell'Unione europea, da uno degli stati membri dell'Unione europea, da uno dei paesi dello Spazio economico europeo, dai paesi in fase di adesione all’Unione europea oppure da EURid.

Per maggiori informazioni puoi consultare la nostra brochure sui nomi a dominio riservati e i regolamenti CE 1654/2005 e 560/2009. Una rettifica del regolamento (CE) N. 560/2009 del 26 giugno 2009, che modifica il regolamento (CE) 874/2004, è consultabile qui.

A seguito dell'introduzione del protocollo IDNA2008, l'elenco dei nomi a dominio riservati dagli stati membri è stato aggiornato e allegato al Regolamento 516/2015.

EURid ha riservato, per il proprio utilizzo, i seguenti nomi:

  • eurid.eu
  • registry.eu
  • nic.eu
  • dns.eu
  • internic.eu
  • whois.eu
  • das.eu
  • coc.eu

Qualora vi siano organizzazioni o persone fisiche che desiderano registrare un nome a dominio riservato, l'Autorità nazionale competente in materia di registrazione potrà decidere, in circostanze eccezionali, di attivare il nome riservato per conto del richiedente. Per maggiori informazioni puoi consultare la procedura per l'attivazione dei nomi riservati.